Crea sito

Epidemia Coronavirus: gli infetti sarebbero molti di piu’

Una delle riviste scientifiche piu’ prestigiose del mondo,The Lancet,ha effettuato una stima degli infettati nella sola citta’ di Wuhan dal primo dicembre al 25 gennaio ed i numeri sono spaventosi.La Cina ha ufficialmente chiesto aiuto sanitario all’Europa,che bisogno c’e’ di chiedere un supporto se i casi infetti come ci dicono ad oggi sarebbero solo 15 mila?

https://www.dailymail.co.uk/news/article-7955461/China-asks-EU-medicine-supplies-battle-coronavirus-outbreak.html

(Tradotto con google)
La nuova ricerca sulla modellazione stima che fino a 75.800 persone nella città cinese di Wuhan potrebbero essere state infettate con il coronavirus 2019 (2019-nCoV) dal 25 gennaio 2020. Gli autori avvertono che, data la mancanza di una linea temporale solida e dettagliata di i registri di casi sospetti, probabili e confermati e contatti stretti, la dimensione reale dell’epidemia e il suo potenziale pandemico rimangono poco chiari.
Condividere:
LA STORIA COMPLETA
Coronavirus diagnosis concept (stock image). | Credit: (c) vchalup / stock.adobe.com
Concetto di diagnosi del coronavirus (immagine di riserva).
Credito: © vchalup / Adobe Stock
Una nuova ricerca sulla modellistica, pubblicata su The Lancet , stima che fino a 75.800 persone nella città cinese di Wuhan potrebbero essere state infettate dal coronavirus 2019 (2019-nCoV) dal 25 gennaio 2020.

L’autore senior, il professor Gabriel Leung dell’Università di Hong Kong, sottolinea: “Non tutti coloro che sono infettati da 2019-nCoV avrebbero bisogno o consultare un medico. Durante le urgenti richieste di un’epidemia in rapida espansione di un virus completamente nuovo, specialmente quando la capacità del sistema è essere sopraffatto, alcuni di quelli infetti potrebbero essere sottostimati nel registro ufficiale. “

Spiega: “L’apparente discrepanza tra le nostre stime modellate delle infezioni 2019-nCoV e il numero effettivo di casi confermati a Wuhan potrebbe anche essere dovuto a diversi altri fattori. Questi includono che c’è un intervallo di tempo tra infezione e insorgenza dei sintomi, ritardi nella persone infette che vengono sottoposte a cure mediche e il tempo impiegato per confermare i casi mediante test di laboratorio, che potrebbero influenzare la registrazione e la segnalazione complessive “.

Le nuove stime suggeriscono anche che più grandi città cinesi potrebbero aver già importato decine di casi di infezione 2019-nCoV da Wuhan, in numero sufficiente per innescare epidemie locali.

Le prime stime sottolineano che probabilmente sarà necessario un rapido e immediato potenziamento delle misure sostanziali di controllo della salute pubblica per prevenire grandi epidemie nelle aree al di fuori di Wuhan. Ulteriori analisi suggeriscono che se la trasmissibilità di 2019-nCoV potrebbe essere ridotta, sia il tasso di crescita che la dimensione delle epidemie locali in tutte le città della Cina potrebbero essere ridotte.

“Se la trasmissibilità del 2019-nCoV è simile a livello nazionale e nel tempo, è possibile che le epidemie potrebbero già crescere in più grandi città cinesi, con un ritardo di una o due settimane dietro l’epidemia di Wuhan”, afferma l’autore principale Professor Joseph Wu dell’Università di Hong Kong. “Le grandi città all’estero con stretti collegamenti di trasporto con la Cina potrebbero potenzialmente diventare epicentri di focolai a causa della sostanziale diffusione di casi pre-sintomatici a meno che non vengano attuati immediatamente sostanziali interventi di sanità pubblica sia a livello di popolazione che a livello personale”.

Secondo il professor Gabriel Leung: “In base alle nostre stime, raccomanderemmo vivamente alle autorità di tutto il mondo che i piani di preparazione e gli interventi di mitigazione debbano essere preparati per un rapido dispiegamento, compresa la fornitura di reagenti per test, farmaci, dispositivi di protezione individuale, forniture ospedaliere e soprattutto risorse umane, specialmente nelle città strettamente legate a Wuhan e alle altre principali città cinesi “.

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato modelli matematici per stimare le dimensioni dell’epidemia sulla base dei dati del caso 2019-nCoV ufficialmente riportati e dei dati di viaggio nazionali e internazionali (ad es. Treno, aereo, strada). Hanno ipotizzato che la stima dell’intervallo seriale (il tempo impiegato dagli individui infetti per infettare altre persone) per il 2019-nCoV fosse la stessa della sindrome respiratoria acuta grave (SARS: tabella 1). I ricercatori hanno anche modellato la potenziale diffusione futura del 2019-nCoV in Cina e a livello internazionale, tenendo conto del potenziale impatto di vari interventi sulla salute pubblica che sono stati attuati nel gennaio 2020, incluso l’uso di maschere per il viso e un aumento dell’igiene personale, e le misure di quarantena introdotte a Wuhan 23 gennaio.

I ricercatori stimano che nelle prime fasi dell’epidemia di Wuhan (dal 1 ° dicembre 2019 al 25 gennaio 2020) ogni persona infettata da 2019-nCoV avrebbe potuto infettare fino a 2-3 altri individui in media e che l’epidemia è raddoppiata in taglia ogni 6,4 giorni. Durante questo periodo, fino a 75.815 persone avrebbero potuto essere infettate a Wuhan.

Inoltre, le stime suggeriscono che i casi di infezione 2019-nCoV potrebbero essersi diffusi da Wuhan a molte altre principali città cinesi a partire dal 25 gennaio, tra cui Guangzhou (111 casi), Pechino (113), Shanghai (98) e Shenzhen (80; figura 3). Insieme, queste città rappresentano oltre la metà di tutti i viaggi aerei internazionali in uscita dalla Cina.

Mentre le stime suggeriscono che la quarantena a Wuhan potrebbe non avere l’effetto previsto di arrestare completamente l’epidemia, ulteriori analisi suggeriscono che se la trasmissibilità del 2019-nCoV potrebbe essere ridotta del 25% in tutte le città a livello nazionale con maggiori sforzi di controllo, sia il tasso di crescita e la dimensione delle epidemie locali potrebbe essere sostanzialmente ridotta. Inoltre, una riduzione del 50% della trasmissibilità potrebbe spostare l’attuale epidemia 2019-nCoV da una che si sta espandendo rapidamente a una che sta lentamente crescendo (figura 4).

“Potrebbe essere possibile ridurre la trasmissibilità locale e contenere le epidemie locali se misure sostanziali, anche draconiane, che limitano la mobilità della popolazione in tutte le aree colpite sono immediatamente prese in considerazione. Precisamente cosa e quanto si dovrebbe fare è altamente specifico dal punto di vista contestuale e non esiste nessuno- serie di interventi prescrittivi che sarebbero appropriati in tutti gli ambienti “, afferma la coautrice dott. Kathy Leung dell’Università di Hong Kong. “Inoltre, le strategie per ridurre drasticamente i contatti all’interno della popolazione annullando le riunioni di massa, le chiusure scolastiche e introducendo accordi di lavoro da casa potrebbero contenere la diffusione dell’infezione in modo che i primi casi importati, o anche la trasmissione locale precoce, facciano non sfociare in grandi epidemie fuori Wuhan “.

Gli autori sottolineano diversi limiti del loro studio, incluso che l’accuratezza delle loro stime dipende dalla loro ipotesi sulla fonte zoonotica di infezione a Wuhan. Sottolineano inoltre che i modelli presumono che il comportamento durante il viaggio non sia stato influenzato dallo stato della malattia e che alla fine tutte le infezioni presentino sintomi, quindi è possibile che i casi più lievi siano stati trascurati, il che potrebbe sottostimare le dimensioni dell’epidemia. Infine, rilevano che la loro previsione epidemica si basava sui dati sulla mobilità interurbana del 2019 e potrebbe non riflettere i modelli di mobilità nel 2020, in particolare alla luce della minaccia per la salute rappresentata da 2019-nCoV.

Fonte della storia:

Materiale fornito da The Lancet . Nota: il contenuto può essere modificato per stile e lunghezza.

https://www.sciencedaily.com/releases/2020/01/200131114753.htm